Tiempy e Jarvis si sono rivelati dei tool efficaci per gestire due o massimo tre social network, principalmente solo Facebook e Twitter. Riescono a fare i proprio lavoro abbastanza bene, facilitando il lavoro del Social Media Manager, anche se non li riteniamo essere dei tool determinanti.

Eppure, fra i due, la lancetta pende verso Tiempy, che si è mostrato più completo di Jarvis, ancora oggi un po’ troppo limitato.

Oggi vi presentiamo un terzo contender: Socioboard, tool a pagamento, ma che offre anche un piano gratuito, e che sembra essere più completo di questa tripletta. Riuscirà a fare meglio di Buffer?

Socioboard supporta nativamente diversi
Social Newtwork e può sincronizzarsi in automatico
con Google Analytics

La cosa bella di Socioboard è che supporta di per sé più social network. Nella versione Basic (gratuita) possiamo sincronizzare fino a 5 profili, a scelta fra i social supportati:

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Google+
  • Instagram
  • Tumblr
  • Youtube

Quello che salta subito all’occhio è il supporto nativo e disponibile ad Instagram e Tumblr, che spesso vengono dimenticati dai tool gratuiti. Inoltre, simpatica aggiunta, Socioboard permette di collegarsi anche al proprio account Google Analytics, per seguire in una sola dashboard anche le statistiche del proprio blog, o del sito web aziendale.

socioboard-social-media-buffer-alternative

Già dalla dashboard, si capisce subito che Socioboard è un tool decisamente più completo delle alternative già analizzate. Non solo raccoglie tutti i messaggi e le notifiche provenienti dai profili sincronizzati, permettendo di rispondere o assegnare un task sull’attività specifica ad un altro collaboratore (nella versione a pagamento, ovviamente), ma racchiude in sè altre funzioni interessanti. Vediamone alcune:

  • Scoperta: possiamo ricercare post e profili affini al nostro, così da condividerli in automatico se vogliamo. La funziona Smart Search, inoltre, geolocalizza la ricerca per tag proponendoci aziende e profili nelle nostre vicinanze.
  • Shareathon: permete di condividere in automatico sul nostro profilo social i post che vengono pubblicati sulla pagina. Comodo, soprattutto per i team, perché così si incrementa il reach e la persistenza del post sui vari stream degli utenti che ci seguono.
  • AutoMate Rss Feeds: feature davvero utilissima, possiamo impostare dei feed rss che vengono ripubblicati in automatico dalla pagina. Pensate come può essere semplice riempire i profili di contenuti usando un aggregator!

Socioboard prevede anche statistiche di vario tipo. Alcune sono dedicate ai piani Premium, altre invece sono le stesse che possiamo trovare negli Analytics dei vari social. Una menzione va alla Sentiment Analysis che ci fornisce un indice di gradimento percentuale dei vari post, a seconda dell’engagement generato. Può tornare utile, anche se su profili con poche interazioni lascia il tempo che trova.

Non vuoi perdere tempo dietro i Social Network?

Socioboard è quindi più completo sotto ogni punto di vista rispetto a Tiempy e Jarvis. Ma come se la cava nei confronti di Buffer? Beh, prossimamente vedremo cosa può fare proprio l’alternativa numero uno a Buffer: Buffer!

UPDATE 30/08/2016: Testando più a fondo SocioBoard, abbiamo incontrato diversi bug nella piattaforma che spesso non pubblica i post programmati, oppure non riconosce l’ID di Login. Non ci sentiamo quindi di consigliarlo per un uso professionale, almeno allo stato attuale, ma comunque vi terremo aggiornati su eventuali sviluppi.